Calisthenics

Daniela Matta

È una forma di esercizio fisico che consiste in una larga varietà di esercizi, migliorando la forza e la flessibilità nel proprio corpo.
Il termine callistenia deriva dalle parole greche καλός (kalòs) che significa bello, e σθένος (sthénos), che significa forza.
Tale sport prevede il raggiungimento di abilità atletiche a corpo libero con il supporto di strutture come sbarre, parallele e anelli della ginnastica artistica ed eventualmente di pesi (chiamati zavorre), usati come sovraccarico al proprio peso corporeo.
Il calisthenics aiuta a migliorare sia capacita muscolari sia capacità intrinseche come, la capacità polmonare,cardiovascolare, equilibrio e coordinazione.
Nel fitness il calisthenics viene associato all’allenamento funzionale, con la finalità di raggiungente prestazioni atletiche di vario genere ( forza, flessibilità, equilibrio) e l’incremento della massa muscolare.
Partendo dalle pratiche ginniche degli atleti dell’antica Grecia e da quelle dei soldati, ha ricevuto influenze a partire dai primi decenni del 1800 da parte di personaggi quali il pedagogista tedesco friedrich ludwing Jhan (padre della ginnastica artistica agli attrezzi) e il medico svedese Perh henrik Ling( considerato il padre della ginnastica svedese).
La diffusione, a partire dagli anni 2000, avviene in Italia soprattutto grazie a Internet, tramite la condivisione su You tube e social dedicati delle esperienze di allenamento. Negli anni successivi sono stati realizzati vari eventi e gare in varie città italiane, anche a fiere sportive come RiminiWellness.
Le caratteristiche distintive del calisthenics sono la possibilità di essere praticata con l’ausilio di pochissima o nessuna attrezzatura e di essere adattabile progressivamente a qualsiasi livello atletico, allenandosi all’aperto, nelle spiagge e nei parchi cittadini usufruendo di strutte pubbliche.
La callistenia può essere divisa in due rami:
  • potenziamento della forza: esercizi basati sul potenziamento della forza e sul miglioramento del fisico. Esempi sono i piegamenti, trazioni alla sbarra, i muscle-up, la verticale;
  • allenamento dinamico: esercizi spesso basati su movimenti molto veloci, come i 360°. Di solito gli esercizi dinamici sono delle varianti di quello del primo ramo come lo swing 360 (una trazione preceduta da uno swing col fine di girare di 360° quando si è in aria) o i “piegamenti pliometrici”.